fbpx
Cronache di spogliatoio
5 giovani talenti da tenere d’occhio ai prossimi Europei 5 giovani talenti da tenere d’occhio ai prossimi Europei
di Andrea Sperti  Euro 2021 è ormai alle porte e tutti si stanno preparando al meglio per questa competizione. Le grandi squadre proveranno a... 5 giovani talenti da tenere d’occhio ai prossimi Europei

di Andrea Sperti 

Euro 2021 è ormai alle porte e tutti si stanno preparando al meglio per questa competizione. Le grandi squadre proveranno a conquistare questo importante trofeo ma oggi noi non vogliamo parlarvi di questo. La nostra attenzione, infatti, è rivolta solo ed esclusivamente a 5 talenti assoluti, ragazzi giovani ma dal futuro promettente, che si metteranno in mostra in questa competizione.

Ecco di seguito i 5 nomi:

1) Igor Diveev (Russia)

Il difensore centrale classe ’99 è elegante in campo ed abile sia in fase difensiva che in quella d’impostazione. Nel CSKA Mosca, infatti, spesso gli viene data la possibilità di dar inizio all’azione, grazie ad un piede parecchio educato. Su di lui è vivo l’interesse del Bologna, ma una vetrina come quella dell’Europeo potrebbe attirare l’attenzione anche di altri club europei. La Russia potrebbe essere la sorpresa di questo torneo e Igor è già uno dei leader della formazione, nonostante la sua giovanissima età.

2) Jude Bellingham (Inghilterra)

Avete presente il prototipo del centrocampista perfetto? Ecco, il classe 2003 potrebbe diventarlo negli anni, sebbene a 18 anni non debba essere caricato di eccessiva responsabilità. Questo ragazzino di sicuro partirà indietro nelle gerarchie del C.t. inglese, ma non è detto che non possa entrare in campo in alcune occasioni, provando a dare la solita scossa che imprime quando gioca con il Borussia Dortmund. I tedeschi, nel frattempo, si coccolano il loro gioiellino, che è già andato a segno sia in Bundesliga che in Champions League, mettendo in risalto le sue enormi doti tecniche.

3) Ryan Gravenberch (Olanda)

In molti paragonano questo centrocampista classe 2003 a Paul Pogba e, per caratteristiche fisiche, passo dondolante e modo di giocare, i due si somigliano parecchio. Di certo il prodotto del vivaio dell’Ajax deve crescere ancora molto per arrivare ai livelli della mezzala del Manchester United, ma la strada intrapresa pare quella giusta. Anche lui potrebbe non essere tra i titolari, sempre che il suo Ct non decida di buttarlo subito nella mischia, forte della sua esperienza con i lancieri. Ryan ha impressionato parecchi addetti ai lavori in questa stagione ed anche in Italia ha diversi estimatori, che presto potrebbero bussare alla porta della compagine olandese.

Szoboszlai

4) Dominik Szoboszlai (Ungheria)

Per un po’ di tempo abbiamo creduto di poter ammirare questo ragazzo anche in Serie A, con il Milan che sembrava ad un passo dal suo acquisto. Poi, in realtà, il Lipsia ha anticipato sul tempo i rossoneri, portandolo in Bundesliga in tempi record. Un fastidioso e lungo infortunio agli adduttori, però, ha condizionato il recupero del classe ‘2000 che, a detta dello staff medico ungherese, dovrebbe essere pronto per gli Europei. Questa per Dominik potrebbe essere la manifestazione del rilancio, quella nella quale dimostrare che tutti i complimenti nei suoi confronti hanno ragione d’esistere.

5) Giacomo Raspadori (Italia)

Certo, davanti a lui ci sono Ciro Immobile ed Andrea Belotti ed il Ct Roberto Mancini sceglierà tra loro due il titolare per le prime sfide degli Europei, ma il giovane attaccante ha voglia di fare ed entusiasmo da vendere e, senza dubbio, rappresenta una figura positiva all’interno dello spogliatoio. Il centravanti del Sassuolo potrebbe avere a disposizione qualche scampolo di partita e dovrà essere bravo a sfruttare al meglio ogni minuto per impressionare chi non lo ha ancora ammirato in campo. Questa è la sua occasione, anche se il futuro pare essere proprio dalla sua parte.

Non è detto che questi ragazzi abbiano tante chance di mettere in mostra il proprio valore, ma le qualità tecniche sono indiscutibili e di loro sentiremo parlare a lungo. Vincere Euro 2021 non sarà facile per nessuno ed avere una carta a sorpresa da giocare potrebbe rappresentare un vantaggio contro le big del torneo.

Ora non resta che aspettare venerdì e poi gustarci ogni singola partita di un Europeo che si preannuncia equilibrato e sorprendente.

Andrea Sperti

Redattore. Ho 24 anni. Vengo da Lecce.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.