fbpx
Cronache di spogliatoio
Altri dieci anni di Serie A: i migliori marcatori dal 2010 al 2019 Altri dieci anni di Serie A: i migliori marcatori dal 2010 al 2019
di Gabriele Codeglia Altri dieci anni di Serie A, un’altra decade consegnata agli archivi del calcio italiano. Numeri, statistiche, record, personaggi, giocatori che hanno... Altri dieci anni di Serie A: i migliori marcatori dal 2010 al 2019

di Gabriele Codeglia

Altri dieci anni di Serie A, un’altra decade consegnata agli archivi del calcio italiano. Numeri, statistiche, record, personaggi, giocatori che hanno lasciato il segno: se ne potrebbero scrivere e raccontare di ogni genere su questi ultimi due lustri della massima serie nostrana.

Questa volta ci siamo messi lì con l’almanacco sotto al gomito e la calcolatrice nell’altra mano: ecco i dieci migliori marcatori della Serie A considerate le partite dal 1° gennaio 2010 al 22 dicembre 2019. Tanti volti noti, ma anche le sorprese che non ti aspetti.

La classifica dei migliori marcatori della decade in Serie A

10 – Paulo Dybala

Il più giovane di questa speciale classifica. La Joya ha realizzato il suo primo gol in Serie A poco prima di compiere diciannove anni: era l’11 novembre 2012, Palermo-Sampdoria finì 2-0 e, addirittura, per lui fu doppietta. Tra Palermo e Juventus, ad oggi, i suoi gol nel massimo campionato italiano sono 78.

9 – Josip Ilicic

A Bergamo è rinato sotto la guida di Gasperini. A Palermo, nell’estate del 2010 era arrivato assieme a un connazionale, compagno al Maribor, un tandem che faceva rima, anche se poi di quell’Armin Bacinovic si sono perse le tracce. Con la maglia dei rosa-nero prima, della Fiorentina e dell’Atalanta, poi, lo sloveno l’ha messa dentro 79 volte.

8 – Rodrigo Palacio

El Trenza, da Bahìa Blanca. La carta d’identità dice: anni 38, il prossimo 5 febbraio. In realtà, a Bologna è titolare inamovibile, in un tridente camaleontico, dove attualmente è il miglior marcatore stagionale. Arrivò nel 2009 al Genoa, da lì, proseguendo con l’Inter e i felsinei, ha realizzato la bellezza di 85 gol nell’ultimo decennio.

7 – Edinson Cavani

Lui è un’altro di quelli che non ti viene subito in mente, forse perché la sua ultima apparizione nel nostro campionato è datata 19 maggio 2013, in occasione di un Roma-Napoli terminato 2-1 nel quale, ovviamente, è andato a segno. Il Matador, scoperto e portato in Italia dal Palermo di Zamparini, ha legato indissolubilmente in suo nome a quello del Napoli. In totale, considerando anche i sei mesi in rosa-nero da gennaio a giugno 2010, i suoi gol in campionato in questa decade sono stati 87. Piccola osservazione, anche se “piccola”, in questo caso è un eufemismo. Quelle 87 reti sono state realizzate in 122 presenze, il ché lo rende l’attaccante con la miglior media gol a partita di questa speciale classifica: 0,71 reti per incontro.

6 – Dries Mertens

Il folletto belga ha svoltato nel 2016-2017 quando, sotto la guida di Sarri, ha trovato la sua posizione ideale nel tridente del Napoli. Quell’anno furono 28 i suoi gol in campionato, una vera e propria sorpresa, che fu anche l’ago della bilancia per molti fantallenatori: se si sommano le precedenti tre stagioni, infatti, le sue reti erano state solamente 22. Dal suo arrivo nel capoluogo campano, l’ex Psv è andato a segno per ben 88 volte.

5 – Fabio Quagliarella

Non poteva mancare, ovviamente, il bomber di Castellammare di Stabia. Alla Samp ha riscoperto una seconda giovinezza, aggiudicandosi il titolo di capocannoniere nella scorsa stagione che gli ha anche permesso di riassaporare il fascino della maglia azzurra. Nell’ultima decade di Serie A, il numero ventisette dei blucerchiati è andato a segno con quattro squadre diverse e, tra Napoli, Juventus, Torino e Sampdoria sono 109 i suoi gol in Serie A.

4 – Ciro Immobile

L’uomo del momento, attualmente terzo nella classifica della Scarpa d’oro 2019-2020, è in realtà il terzo miglior realizzatore degli ultimi dieci anni di Serie A e tra poco scoprirete perché. In carriera ha vinto il titolo di capocannoniere del Torneo di Viareggio 2010 (10 gol), quello della Serie B (28) nel magico Pescara di Zeman, e per due volte quello della Serie A, nel 2013-2014 con il Torino (22) e nel 2017-2018 a pari merito con Icardi (28). Tra il 2010 e 2019, i suoi gol in Serie A ammontano ad un totale di 116.

Serie A, il podio dei migliori marcatori del decennio

Sarebbe stato difficile assegnare la terza e la seconda posizione di questa particolare graduatoria visto che questi due autentici goleador, tra il 2010 e il 2019, hanno entrambi realizzato lo stesso numero di gol. Perciò, per stabilire un ordine il più oggettivo e meritocratico possibile, abbiamo deciso di ordinarli in base al rapporto gol/presenze, ovvero la media gol a partita.

3 – Mauro Icardi

Uno dei più forti uomini d’area in circolazione. Tra i tifosi dell’Inter c’è chi lo rimpiange e chi spera di non rivederlo mai più indossare la maglia nerazzurra. Ma, numeri alla mano e a parità di anzianità, el niño del partido figura di diritto nell’Olimpo dei centravanti moderni. Nel suo periodo in Italia, l’argentino ha vinto il titolo di miglior marcatore del campionato in due occasioni, entrambe ex aequo: la prima con Luca Toni (22 gol) nel 2014-2015 e la seconda con Ciro Immobile (28) nel 2017-2018. Tra Sampdoria e Inter, il bottino finale è di 121 marcature in 219 partite e la conseguente media gol è pari a 0,55.

2 – Gonzalo Higuain

Il Pipita, nonostante l’ultimo anno e mezzo con più bassi che alti, resta sempre tra i migliori centravanti del mondo: oltre ai numeri, parlano le prestazioni e il contributo tattico alla squadra. Ha consegnato il suo nome alla storia della Serie A nel 2015-2016, quando vinse il titolo di capocannoniere: 36 gol (record) in 35 presenze, 2’974 minuti giocati, un centro ogni 83′. Con le maglie di Napoli, Juventus e Milan ha realizzato 121 reti, ma a differenza di Icardi lo ha fatto in meno partite, 207 ad essere precisi: la media gol è di 0,58.

1 – Antonio Di Natale

Chi, se non lui, avrebbe potuto far registrare il miglior score del decennio? A tanti di voi, tifosi dell’Udinese e non, sarà già scesa la lacrimuccia nostalgica. Il piccolo attaccante napoletano si è reso assoluto dominatore della scena nei primi anni del periodo in questione. Oltre ad aver sempre rifiutato le avances della Juventus (come un’altro grande attaccante italiano prima di lui, Gigi Riva), Totò Di Natale rimane ad oggi l’ultimo calciatore ad essersi aggiudicato due titoli di capocannoniere della Serie A consecutivi, nel 2009-2010 e 2010-2011, rispettivamente con 29 e 28 gol. Sesto miglior marcatore della classifica all time della massima divisione italiana, nel periodo 2010-2019 ha collezionato la bellezza di 125 reti in 214 presenze, anche per lui la media gol è di 0,58 a partita.

CONSIGLIATI – Gli attaccanti del futuro: Riccardo Orsolini

Gabriele Codeglia

Sono uno dei redattori di Cronache di Spogliatoio. Ho 21 anni e vengo da La Spezia. Studente al terzo anno di Scienze della Comunicazione e Società all'Università degli Studi di Milano, il calcio è la mia passione più grande. Ex arbitro FIGC, dal 2013 a gennaio 2019, arrivando fino all'Eccellenza.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.