fbpx

Chi è Maurizio Arrivabene, il nuovo AD della Juventus

by Cesare Ragionieri

Nella giornata di ieri si è svolto il Consiglio d’Amministrazione della Juventus: al termine, la società bianconera ha diramato un comunicato ufficiale. Due gli annunci importanti fatti: il primo riguarda l’aumento di capitale sociale, il secondo l’arrivo di Maurizio Arrivabene come responsabile delle deleghe relative all’Area Football. Insomma, l’ex uomo Ferrari sarà il nuovo Amministratore Delegato della Juventus.

La carriera

Nato a Brescia il 7 marzo 1957, Arrivabene è cresciuto con due passioni: il mondo dello sport e quello dei motori. Tifoso della Juventus fin dalla nascita, ha praticato diversi sport nella sua adolescenza: tennis, sci, football americano e soprattutto l’atletica. Per quello che concerne i motori, nel 1987 ha partecipato alla Parigi-Dakar chiudendola al sesto posto.

Oltre allo sport vissuto in prima persona e praticato anche a livello professionistico, Arrivabene ha lavorato per circa vent’anni nell’area commercializzazione della Philipp Morris, una delle compagnie di tabacco più note e conosciute a livello mondiali. Durante questo arco di tempo, il nuovo AD della Juventus è arrivato anche a ricoprire incarichi davvero importanti, come quello di vicepresidente di di Marlboro Global Communication e, dal 2011, presidente del consiglio di amministrazione Consumer Channel Strategy and Event Manager per Philip Morris International.

LEGGI ANCHE – Come funziona e chi ha aderito ad Interspac, l’azionariato popolare dell’Inter 

Proprio alla Philipp Morris, Arrivabene ha conosciuto Andrea Agnelli e tra i due è nato un bel rapporto di amicizia. Inizialmente l’incarico in Ferrari, voluto fortemente dal compianto Sergio Marchionne, poi l’approdo alla Juventus come responsabile delle deleghe relative all’Area Football.

L’ingresso nel mondo dello sport

Nel 2012 entra ufficialmente della Juventus come membro indipendente del board bianconero, dopo essere stato per un anno membro della Sport Business Academy della Bocconi. Nel 2014, poi, spicca il salto diventando team principal della Ferrari: a chiamarlo per questo prestigioso incarico è stato Sergio Marchionne, nel tentativo di rendere lustro al Cavallino. Il titolo Mondiale non arriva, ma in compenso Sebastian Vettel arriva per due volte al secondo posto nella classifica piloti (2017 e 2018) e la Ferrari per tre volte dietro alla Mercedes nella classifica costruttori (2015, 2017 e 2018). Arrivabene lascia Maranello nel 2019, sostituito nel ruolo da Mattia Binotto.

GUARDA ANCHE – La peggiore maledizione nella storia del calcio: l’anatema di Béla Guttmann

Il resto è storia nota: Arrivabene è diventato il nuovo Amministratore Delegato della Juventus, coronando così il sogno di lavorare per la sua squadra del cuore.

«Sono bresciano e ho il cuore diviso a metà. Ho giocato nei campetti polverosi vicino a Mompiano, a San Bartolomeo. Devo che lo facevo però con la maglia della Juventus», ha dichiarato nel 2019.

A lui il compito di far tornare la Vecchia Signora al successo dopo l’ultima deludente stagione.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.