fbpx
Cronache di spogliatoio
La classifica marcatori della Serie B 2007-2008 è pazzesca La classifica marcatori della Serie B 2007-2008 è pazzesca
di Andrea Sperti  Il campionato di Serie B della stagione 2007-2008 è stato uno dei più divertenti dell’ultimo ventennio. Il torneo è stato equilibrato... La classifica marcatori della Serie B 2007-2008 è pazzesca

di Andrea Sperti 

Il campionato di Serie B della stagione 2007-2008 è stato uno dei più divertenti dell’ultimo ventennio. Il torneo è stato equilibrato fino all’ultimo e le 22 squadre partecipanti si sono date battaglia senza esclusioni di colpi. Il Pisa, piazza blasonata alla ricerca del ritorno in Serie A da anni, ha sfiorato la massima serie, così come l’Albinoleffe, che per poco non riusciva a centrare la prima e storica promozione. Alla fine Chievo e Bologna hanno ottenuto il pass direttamente, al termine di un campionato lungo e snervante, mentre il Lecce ha dovuto superare l’ostacolo play off per conquistarsi la Serie A. In C, invece, sono retrocesse Avellino, Spezia, Ravenna e Cesena, sebbene poi gli irpini siano stati ripescati. Quello del 2007-2008 è stato il campionato post Juventus, Napoli e Genoa in B ed è stata anche la prima volta del Grosseto in cadetteria.

Oggi, però, non vi vogliamo parlare troppo delle squadre partecipanti ma dei bomber che hanno segnato a caterva in questo campionato. Scaleremo tutta la classifica marcatori, dal decimo al primo posto, ricordandovi grandi attaccanti, goleador che hanno lasciato il segno nelle piazze in cui hanno giocato.

10° – Alessandro Pellicori (Avellino)

L’attaccante dei lupi campani ha segnato come mai nella sua carriera. Il classe ’81 è stato molto abile nel colpo di testa e grazie alla sua stazza ha sempre saputo difendere il pallone con efficacia. In realtà la sua avventura calcistica si è interrotta a causa della condanna per il calcio scommesse, che lo ha visto scomparire dai campi di gioco per 3 anni. Nelle ultime stagioni è tornato in Calabria per allenare Palmese e Locri e da tecnico proverà a riprendersi quello che non ha potuto conquistare da giocatore. In totale ha segnato 18 gol.

9° – Salvatore Bruno (Modena)

Sasà, così lo chiamano i suoi compagni, è un attaccante completo, capace di estrarre sempre la grande giocata dal cilindro. Adesso, nonostante la carta d’identità segnali che è arrivata l’ora di smettere, lui si diverte con la maglia dell’Agazzanese in Eccellenza. Dopo Modena ha aiutato la Giana Erminio a stabilizzarsi in Serie C e poi è passato al Rezzato ed alla Vigor Carpaneto, giocando con la stessa voglia di quando ha iniziato. In quella stagione ha siglato  18 gol. 

8° – Andrea Soncin (Ascoli)

Il ‘Cobra’ è stato un attaccante letale, capace di grandi gol e giocate d’alta scuola. L’attuale vice allenatore di Paolo Zanetti al Venezia 13 anni fa ha disputato una stagione pazzesca, con il suo Ascoli che ha provato fino all’ultimo a conquistare un piazzamento play off. Il tecnico era Ivo Iaconi e l’idea di calcio era sempre la stessa: palla a Soncin che tanto poi ci pensa lui a buttarla dentro. In tutto ha segnato 18 gol.

7° – Francesco Lodi (Frosinone)

4 gol sono arrivati su calcio di rigore, ma tanti ne ha realizzati anche su punizione. Il centrocampista campano, all’epoca più trequartista di adesso, è uno specialista dei calci piazzati ed ancora oggi a Messina stanno godendo delle sue prodezze. Lodi ha due piedi raffinati, educati e solo un po’ di sfortuna non gli ha permesso di approdare in un top club, anche perché le capacità tecniche c’erano tutte. Ora ha il compito di riportare i siciliani tra i professionisti, sfruttando qualità ed esperienza. Ciccio ha messo a segno 20 gol in quella stagione.

6° – José Inacio Castillo (Pisa)

La sua storia parte da lontano, esattamente dal tacco d’Italia. L’argentino è stato per tanti anni il bomber delle categorie inferiori con la maglie di Brindisi, Nardò, Vigor Lamezia e Gallipoli. Alla fine ha avuto l’opportunità di approdare in Serie B e l’anno di Pisa è stato tra i migliori dal punto di vista realizzativo. Castillo è riuscito anche a giocare nel massimo campionato italiano con il Lecce ed a esordire in Champions League con la Fiorentina, dimostrando di poter fare gol anche a certi livelli. Ora sogna di diventare un bravo direttore sportivo ed intanto lavora come tecnico dell’Under 20 del Santamarina, una squadra che milita nella seconda divisione argentina. L’argentino nel 2006/2007 ha siglato 21 reti. 

5° – Sergio Pellissier (Chievo)

Il centravanti di Aosta ha avuto sempre uno spiccato senso del gol. In quella stagione ha condotto i gialloblù alla promozione diretta, sebbene quella squadra potesse contare sulle geometrie di Vincenzo Italiano e Michele Marcolini e la velocità di Victor Obinna e di Luciano. Nel 2019, appese le scarpette al chiodo, Pellissier è diventato Responsabile dell’Area tecnica del Chievo, con un compito ben preciso in fase di mercato, ma alcune divergenze con la società non gli hanno permesso di lavorare al meglio e così ha deciso di lasciare il club. Nella stagione in esame ha segnato 22 gol.

4° – Marco Cellini (Albinoleffe)

La squadra lombarda ha disputato un campionato incredibile ed è stata fermata solo in finale play-off dal Lecce di Papadopulo. Oltre al bomber Cellini, c’erano Marchetti, Colacone, Ferrari, Regonesi, Ruopolo e tanti altri ottimi giocatori, che hanno provato a rendere realtà il sogno di una piccola società di provincia. Cellini non ha più segnato con quella continuità ed ora, a 39 anni suonati, milita nel Prato in Serie D, riuscendo a rendersi ancora protagonista. In quel campionato il bomber ha segnato 23 gol.

3° – Massimo Marazzina (Bologna)

Dal 2019 l’ex bomber rossoblù è l’allenatore del Sarasota Metropolis, partecipante al campionato USL League Two, che riguarda formazioni statunitensi e canadesi. Quel Bologna, oltre all’attaccante classe ’74, poteva contare anche sui gol di Adailton, Fava, Galabinov e Danilevicius, tutti attaccanti in grado di realizzare reti a ripetizione. Massimo è cresciuto nell’Inter, ha giocato nel Chievo e nella Roma, ma solo con i felsinei è stato capace di dimostrare il suo vero valore. Nel campionato del 2007/2008 ha segnato 23 marcature.

2° – Pablo Granoche (Triestina)

Provate a nominare questo giocatore ai tifosi della Triestina, i loro occhi inizieranno a brillare perché alcune reti del Diablo sono state tanto belle quanto importanti. L’attaccante gioca ancora con gli alabardati, anche se nell’ultima stagione il peso dell’età inizia a farsi sentire, e nella stagione 2007-2008 si è davvero superato, segnando in ogni modo possibile. Certo, quella Triestina aveva tanti giocatori di qualità, tra i quali Allegretti, Graffiedi, Sgrigna e Babu, e con quei compagni di squadra gonfiare la rete era più facile. Il goleador quell’anno ha segnato 24 reti. 

1° – Denis Godeas (Mantova)

Il centravanti classe ’75 ha girovagato molto in carriera, nonostante da tutti sia riconosciuto come una bandiera della Triestina. A dire il vero, però, tra i professionisti ha segnato più gol con la maglia del Mantova e nella stagione in esame ha scritto la storia della società lombarda. 28 gol con un solo rigore all’attivo rappresentano un bottino da record ed è stato un vero peccato che quel Mantova non abbia raggiunto poi nemmeno i play off. Al suo fianco nell’attacco dei lombardi giocavano Noselli, Caridi e Corona, di certo non gli ultimi arrivati in Serie B.

Andrea Sperti

Redattore. Ho 24 anni. Vengo da Lecce.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.