Cronache di spogliatoio
Dall’Ajax al Barcellona sulle tracce di Dani Alves: il ritratto di Sergiño Dest Dall’Ajax al Barcellona sulle tracce di Dani Alves: il ritratto di Sergiño Dest
di Cesare Ragionieri Da qualche ora il Barcellona ha ufficializzato l’acquisto di Sergiño Dest, proveniente dall’Ajax per 21 milioni di euro più ulteriori 5... Dall’Ajax al Barcellona sulle tracce di Dani Alves: il ritratto di Sergiño Dest

di Cesare Ragionieri

Da qualche ora il Barcellona ha ufficializzato l’acquisto di Sergiño Dest, proveniente dall’Ajax per 21 milioni di euro più ulteriori 5 legati ai bonus. Si tratta del terzo colpo più caro di questa sessione di calciomercato per i blaugrana, dopo gli arrivi di Pjanic (60 milioni) dalla Juventus e Trincão (30) dal Benfica.

Il ritratto

Classe 2000, di professione terzino destro, Sergiño Dest è uno dei prodotti di maggior talento provenienti dall’Ajax negli ultimi anni. Nato ad Almere, nei Paesi Bassi, ha scelto di giocare per gli Stati Uniti grazie alle origini paterne. E nel settembre 2019, dopo la trafila nelle varie Under, ha esordito con la Nazionale maggiore in occasione dell’amichevole persa per 3-0 contro il Messico.

La sua carriera da giocatore è cominciata nell’Almere, ma già nel 2012 è entrato a far parte nel settore giovanile dell’Ajax. Da lì è iniziata la crescita di Sergiño, culminata con l’esordio in Eredivisie il 10 agosto 2019 nel rotondo 5-0 con cui i Lancieri si sono sbarazzati dell’Emmen. Nel corso della passata stagione si è via via imposto, arrivando ad indossare stabilmente una maglia da titolare sulla fascia destra. Finendo per giocare, tra tutte le competizioni, ben 36 partite, arricchite da 2 gol e 6 assist.

Un talento che l’ha fatto finire nel radar delle big europee: in passato anche la Juventus ha chiesto informazioni per lui, ma alla fine ha prevalso il Barça. Che gli ha fatto firmare un contratto quinquennale con una clausola rescissoria monstre pari a 400 milioni di euro. Dest, inoltre, ha scelto di indossare la maglia numero 2, che dalle parti del Camp Nou non può che essere associata a Dani Alves. L’auspicio della dirigenza, nonché quello dei tifosi, è che l‘americano possa ripercorrere le orme di quello che è stato per diverse stagioni il terzino destro più forte al mondo. 

Le caratteristiche

Brevilineo, alto 175 cm, Sergiño Dest ha un ottimo piede destro con cui ha già sfornato diversi assist all’Ajax. Nel calcio moderno, ormai, anche i difensori devono rispettare un certo target per quanto concerne la ripartenza del basso: un identikit ricoperto in pieno dal classe 2000, che rappresenta in toto l’ideale del terzino moderno di cui si parla tanto oggi.

Quello che più stupisce di Sergiño, oltre alla qualità tecnica e all’abilità nel dribbling e nello stretto, è la tenuta di fronte alla pressione degli avversari. L’americano riesce a disimpegnarsi e a creare spesso superiorità numerica, così da permettere alla propria squadra di attaccare verso la porta avversaria con l’uomo in più. Non solo attacco, ma anche difesa: il nuovo terzino del Barça legge molto bene le situazioni di pericolo, trasferendo la sua padronanza del gioco anche quando c’è da evitare di subire gol.

L’unico difetto? In qualche circostanza è un po’ troppo aggressivo e può bucare l’intervento, lasciando così spazi dietro di sé. Il tempismo nei tackle non è affatto male, ma per caratteristiche e indole Dest preferisce di gran lunga attaccare e dribblare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

You love to see it 😍 💙❤️ Our new number 2️⃣ 🇺🇸 @sgd_2 #DE2TCuler

Un post condiviso da FC Barcelona (@fcbarcelona) in data:

Qualche curiosità 

Nell’ottobre del 2019, mentre era in ritiro con la nazionale statunitense in Qatar, ha chiesto e ottenuto di lasciare il paese a causa delle crescenti tensioni politiche tra gli Stati Uniti e il Qatar.

Al momento dei saluti con l’Ajax, i Lancieri gli hanno dedicato un post su Instagram per augurargli il meglio per il futuro. «Mostra loro da dove vieni», questa la didascalia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Show them, Sergiño. All the best #ForTheFuture ⚡

Un post condiviso da AFC Ajax (@afcajax) in data:

Due anni fa, in un’intervista rilasciata a Sport, si è espresso così sul Clasico:

«Tra Barcellona e Real Madrid sceglierei il Barça. Filosofia. Il Real è più lotta, è come un guerriero. È come giocare Feyenoord-Ajax. E il Barça è l’Ajax».

E l’occasione per giocarlo per la prima volta, il Clasico, arriverà tra meno di mesi. Barça-Real è in programma per la 7° giornata de LaLiga, nel weekend del 25 novembre. Al Camp Nou, la nuova casa di Sergiño Dest.

Cesare Ragionieri

Giornalista pubblicista, studente della Magistrale di Scienze Politiche. Tifo Fiorentina, sono un (ex?) pararigori. Alla perenne ricerca di me stesso. Ma ho anche dei pregi.

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.