Cronache di spogliatoio
Dall’Atalanta al Verona: il punto della Gazzetta sui club di A Dall’Atalanta al Verona: il punto della Gazzetta sui club di A
In un lungo focus dal titolo: «Tutti al lavoro», La Gazzetta dello Sport fa il punto sui club di Serie A a poco meno di... Dall’Atalanta al Verona: il punto della Gazzetta sui club di A

In un lungo focus dal titolo: «Tutti al lavoro», La Gazzetta dello Sport fa il punto sui club di Serie A a poco meno di due settimane dalla ripartenza ufficiale del calcio italiano. C’è chi lavora ancora in maniera individuale e chi si prepara alle prime partite 11 contro 11. Ecco la situazione di tutte le squadre nel dettaglio.

ATALANTA – I nerazzurri alternano giornate di allenamenti singoli ad altre con doppia seduta. Una volta alla settimana Gasperini fa giocare una partita in famiglia, 11 contro 11, che sabato sarà di 90’ allo stadio per simulare il ritorno al campionato del 21, a Bergamo contro il Sassuolo. Quasi ogni allenamento prevede comunque partitelle a campo e formazioni ridotti.

BOLOGNA – Il Bologna ha avviato ieri la quinta settimana di lavoro. I carichi di lavoro ricalcano quelli abitualmente adottati durante la stagione. L’obiettivo è di arrivare alla forma partita nel giro di una decina di giorni: il Bologna giocherà contro la Juve il 22.

BRESCIA – La squadra si allena tutta assieme e, un paio di volte a settimana, è prevista una doppia seduta. Negli ultimi giorni si sta intensificando il lavoro e – in vista della trasferta di Firenze del 22 – a giorni si dovrebbe cominciare con le partitelle in famiglia.

CAGLIARI – La squadra di Zenga ha ripreso dalla scorsa settimana a pieno regime, tra atletica e pallone. Nelle pause, lavoro sulle palle inattive con Gianni Vio. Questa settimana sono previste sei sedute, quattro al mattino (11-13) e venerdì e sabato al pomeriggio (17-19). A fine seduta c’è sempre una partita. Un allenamento si è svolto alla Sardegna Arena in vista della trasferta di Verona del 20.

FIORENTINA – Tutti in gruppo tranne Caceres, che si allenerà a parte ancora qualche giorno dopo esser guarito dal covid-19. Lavoro intenso anche per Ribery e Kouamé, però l’ex Genoa non sarà pronto per la ripresa del campionato (in casa contro il Brescia il 22). Ieri ennesimo giro di tamponi: oggi i risultati.

GENOA – L’intensità è aumentata gradatamente. Gli allenamenti collettivi hanno portato alla prima partitella vera a undici sabato scorso. Ora il gruppo di Nicola sta svolgendo un lavoro neuromuscolare con intensità crescente, alternato a sedute con il pallone. Un tipo di preparazione comunque molto diverso da quella estiva, considerando che non sono previsti allenamenti doppi (come accade di norma in ritiro).

INTER – Antonio Conte ha svolto una vera e propria preparazione precampionato. Da una settimana a questa parte il lavoro prettamente atletico ha lasciato spazio alle sedute tattiche. Largo uso del video ad Appiano Gentile, con filmati relativi a partite di diversi momenti della stagione. I carichi fisici sono stati graduali e personalizzati, anche i cosiddetti lavori “a secco”: la palestra è stata di fatto riorganizzata all’aperto.

JUVENTUS – I bianconeri hanno lavorato spesso per gruppi, con programmi individuali per quasi tutti i giocatori. Casi emblematici: Ronaldo, che è rimasto a parte anche la scorsa settimana; Chiellini, che ha un fisico delicato; Higuain e Rabiot, rientrati per ultimi dall’estero. Sarri come sempre ha fatto parecchio lavoro per reparto: i difensori con i difensori, gli attaccanti con gli attaccanti, ovviamente con il supporto dei centrocampisti. Non ci sono mai stati doppi allenamenti.

LAZIO – Alla Lazio è scattata una fase più intensa di allenamenti. Lavoro atletico, tanto possesso palla alternato ad allunghi vari. Partitelle a campo non ancora intero nella parte finale delle varie sedute. Inzaghi sta recuperando glifortunati: Leiva è già ok, Vavro e Strakosha stanno per tornare ad allenarsi a pieno regime. Nei prossimi giorni rientrerà Lulic: potrebbe essere pronto per giocare a luglio.

LECCE – Il Lecce riprenderà gli allenamenti oggi alle 17. Indisponibili gli infortunati Deiola e Shakhov, i giallorossi domenica al Via del Mare avevano disputato una partita in famiglia, la prima dopo la riapertura degli allenamenti collettivi. Ha dato esito negativo anche il terzo tampone al quale si sono sottoposti sabato i componenti del gruppo-squadra. Ora aumenterà l’intensità in vista della sfida al Milan del 22.

MILAN – Con l’avvicinarsi del primo impegno si sta modificando il modo di lavorare. Pioli sta iniziando ad alleggerire i carichi, dopo alcune settimane intense tra allenamenti casalinghi seguiti via video e la ripresa a Milanello. Quindi: meno volume di lavoro e maggiore spazio alle sedute tattiche, in modo da non arrivare imballati al confronto con la Juve.

NAPOLI – In questa settimana, Gattuso concederà due giorni di riposo: giovedì e domenica. Un scelta dovuta ai cariche eccessivi a cui si stanno sottoponendo i giocatori in questo periodo. L’obiettivo è quello di arrivare nella condizione migliore alla gara di coppa Italia, contro l’Inter, al San Paolo. In questi giorni si sta riproponendo quel 4-1-4-1 che gli tornerà utile per difendere il gol di Fabian Ruiz all’andata.

PARMA – D’Aversa accelera i tempi. I crociati anche ieri pomeriggio hanno svolto lavori di mobilità seguiti da tecnica applicata ed esercizi sul possesso palla. Nessun infortunato, anche i giocatori che avevano avuto problemi fisici stanno recuperando (Inglese tra questi).

ROMA – Dopo la ripresa degli allenamenti di gruppo, Paulo Fonseca ha iniziato la fase due. Se la prima prevedeva una sorta di risveglio fisico, la seconda riguarda soprattutto dei lavori basati sul fondo, mentre la terza sarà incentrata sulla velocità e sulla brillantezza. L’allenatore giallorosso ha scelto, con tutte le differenze del caso, di ricalcare la preparazione che faceva in Ucraina, quando era costretto a fermarsi con lo Shakhtar per l’inverno ucraino.

SAMPDORIA – Sono state programmate settimane-tipo, con un solo allenamento quotidiano, prevalentemente misto (atletica e pallone). La scorsa settimana la prima partitella in famiglia a tutto campo, 11 contro 11, che sarà replicata anche questa settimana. Ranieri sta alternando il modulo-base pre sosta forzata (4-4-2) al 3-5-2 o 3-4-1-2.

SASSUOLO – I neroverdi hanno ricominciato per primi con le sedute individuali il 4 maggio e si allenano in gruppo dal 27 maggio. La squadra è al completo (il solo Romagna è out, per lui stagione finita) e integrata da una decina di giovani della Primavera.

SPAL – Di Biagio inizia ad aumentare i ritmi. Dopo due giorni di riposo, ha fissato la ripresa oggi alle 17. Per la prima voltae, sono state fissate anche due sedute doppie, alle 9 e alle 17, mercoledì e venerdì.

TORINO – Moreno Longo ha messo sotto pressione i suoi da una settimana. Ha alternato doppie sedute ad allenamenti mattutini di un paio d’ore, ma sempre all’insegna dell’intensità. È come ripetere il ritiro estivo quindi il pallone è comparso fin dal primo giorno. Molto spazio alla tattica, sabato seconda partitella in famiglia all’Olimpico.

UDINESE – L’Udinese ha alternato atletica al mattino e pallone al pomeriggio. Molta attenzione alla parte nutrizionale Domenica c’è stata una partitella 11 contro 11. Oggi si riprende con doppia seduta.

VERONA – Si procede con sedute singole. Tanto lavoro aerobico alternato a un po’ di palestra. E’ privilegiato l’uso del pallone: tante partitelle a uno o due tocchi per lavorare su intensità e rapidità. Aspetti tecnico-tattici: possesso palla verticale, “mai” orizzontale, pressione alta, ricerca dello spazio in avanti.

Redazione Cronache

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.