fbpx

I 5 giocatori che hanno deluso di più ad Euro 2020

by Andrea Sperti
calhanoglou

Euro 2020 è appena finito e l’Italia festeggia ancora la vittoria della truppa allenata da Mancini, trionfatrice in finale contro l’Inghilterra.

Oggi, però, noi vogliamo parlare di chi in questo Europeo non ha brillato, disattendendo le attese. Per questo vi indicheremo i nomi di 5 calciatori dai quali ci saremmo aspettati molto di più.

Grzegorz Krychowiak

Il centrocampista polacco è stato il primo giocatore a farsi espellere dell’intera manifestazione. Il duttile mediano della Lokomotiv Mosca può svolgere diversi ruoli e per questo è amato da tutti i suoi allenatori, ma ha deluso le aspettative esattamente come la sua Polonia, una compagine parsa priva di talento e personalità.

Hakan Calhanoglu

Il nuovo trequartista dell’Inter ha vissuto una prima parte di estate turbolenta, a causa del passaggio da una all’altra sponda di Milano. Forse anche per questo non ha brillato particolarmente all’Europeo, non riuscendo mai ad incidere insieme alla sua Turchia. Adesso Hakan vorrà riscattarsi in campionato, magari facendo sognare i suoi nuovi tifosi con qualche giocata delle sue.

Bernardo Silva

Il Portogallo è stato sfortunato e probabilmente non avrebbe meritato l’eliminazione nell’ottavo di finale contro il Belgio. In ogni caso, l’ala del Manchester United non è sembrato particolarmente ispirato e in poche occasioni è riuscito a dimostrare il suo smisurato talento. I campioni uscenti hanno abbandonato presto la manifestazioni ed è stato un vero peccato non poter ammirare la qualità del loro reparto offensivo.

Aleksandr Golovin

Il numero 10 delle Russia è da tempo sui taccuini di parecchi club europei, che vorrebbero puntare sulle sue qualità. Il classe ’96, però, anche quest’estate non si muoverà dal Monaco ed anzi spera di poter vivere la prossima stagione come quella della definitiva consacrazione. La sua Russia è stata sfortunata a trovare sulla sua strada Belgio e Danimarca, due tra le formazioni più forti dell’intera competizione.

Mykola Shaparenko

L’attaccante della Dinamo Kiev è un classe ’98 di sicuro affidamento, ma nelle 5 partite disputate dalla sua Ucraina non ha quasi mai lasciato il segno, sebbene avesse le doti per farlo. In futuro certamente sentiremo parlare di lui, perché è un ragazzo molto promettente, che sa interpretare il ruolo in maniera perfetta, mettendosi al servizio della squadra e riuscendo a sporcare tutti i palloni che arrivano dalle sue parti.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.