Cronache di spogliatoio
Ibrasupremacy nel derby: Milan da solo in testa alla classifica Ibrasupremacy nel derby: Milan da solo in testa alla classifica
Con una doppietta di Ibrahimovic il Milan vince un derby sofferto che lo proietta da solo in testa alla classifica. I rossoneri sfruttano un grande... Ibrasupremacy nel derby: Milan da solo in testa alla classifica

Con una doppietta di Ibrahimovic il Milan vince un derby sofferto che lo proietta da solo in testa alla classifica. I rossoneri sfruttano un grande approccio alla partita, andando sul 2-0 nel primo quarto d’ora. All’Inter non basta la solita ottima prova della sua coppia di attaccanti, Lautaro Martinez – Lukaku.

Inizio indiavolato

È un dominio rossonero in avvio. La scelta a sorpresa di Pioli di schierare Leao dà i suoi frutti. Il portoghese è incontenibile su quella fascia e mette in difficoltà spesso D’Ambrosio e Hakimi. All’ 11′ si sblocca la partita. Ibrahimovic entra in area e viene toccato da Kolarov. L’arbitro Mariani non ha dubbi e concede calcio di rigore. Dal dischetto va lo stesso attaccante che incrocia col destro: Handanovic para ma sulla respinta lo Zlatan segna di sinistro. Passano quattro minuti e il Milan fa 2-0. Leao va via sulla fascia, mette in mezzo per Ibra che appoggia in rete tutto solo. Il Milan non andava a segno in 24 partite di fila in Serie A dal 1973. Lo svedese, invece, diventa così il giocatore più vecchio a segnare in un derby di Milano, a 39 anni e 14 giorni.

Inizio shock per l’Inter che non trova gioco e distanze. La squadra di Conte ci mette circa un quarto d’ora per farsi vedere ma alla prima occasione è subito gol. Al 29‘ bella azione di Kolarov che innesca Perisic, il croato dal versante sinistro mette in mezzo una palla leggermente deviata e interviene Lukaku che mette in rete. I nerazzurri prendono fiducia. Tre minuti più tardi cross stupendo di Hakimi, Lautaro ci prova di testa ma Kjaer salva: arriva  Barella con un gran tiro ma Donnarumma respinge. L’ultima chance del primo tempo ce l’ha ancora l’Inter. Corner battuto da Brozovic, Kjaer si perde Lukaku che colpisce di testa, ma la palla va di poco fuori.

Inter a testa bassa

Nel secondo tempo cominicia meglio il Milan. Al 56′ Leao parte a campo aperto, raggiunge il limite dell’area e rientra sul destro: gran tiro ma pallone che sfiora il palo alla destra di Handanovic. L’Inter risponde sulla stessa fascia, con Hakimi che a pochi metri da Donnarumma non trova la deviazione vincente di testa. Al 73′ il Milan ha un’ottima occasione per chiudere la partita. Barella perde un brutto pallone ma Krunic manda alto da vicino. Sul capovolgimento di fronte Lukaku trova il varco giusto in area e viene atterrato. L’arbitro prima dà rigore, poi, dopo il consulto del Var, annulla per un fuorigioco del belga. È Lukaku ad avere l’ultima possibilità di pareggiare ma il 9 nerazzurro non trova la porta sull’assist di Lautaro. Finisce così, il Milan vince 2-1 e centra il quarto successo consecutivo in campionato.

Redazione Cronache

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.