L’ultima follia del Monza per comprare un attaccante

by Leonardo Maldini

Il Monza di Galliani e Berlusconi, si sa, ha sempre sognato in grande. Già dalla Lega Pro, la squadra lombarda ha sempre fissato i suoi obiettivi in alto, e questa volta, con l’approdo in Serie B, si sta ripetendo. L’ultimo colpo, che sta risuonando in queste ore, viene dalla Polonia. Per l’attacco biancorosso sono stati fatti diversi nomi, da Donnarumma a Balotelli, passando per Pazzini ed Ibrahimovic, ma Galliani ha voluto rimanere con i piedi per terra, si fa per dire. Il rinforzo per l’attacco, ora, ha un nome e un cognome: Christian Gytkjær dal Lech Poznan. 

L’attaccante danese è stato capocannoniere dell’Ekstralasa, campionato polacco, con 24 reti nel 2018/19. Il numero 9, nell’ultima stagione tra Serie A polacca e altre competizioni, ha realizzato la bellezza di 27 gol in 38 partite disputate. Si tratta di un colpo a parametro zero da parte dell’ad monzese Adriano Galliani. Il centravanti è infatti in scadenza di contratto con il Lech Poznan e dal primo di agosto sarà a tutti gli effetti uno svincolato.

Stando a quanto raccolto da SkySport, sembra esserci un buon esito per la trattativa: il club brianzolo ha messo sul piatto un contratto biennale più un terzo anno a 1,5 milioni, adesso è attesa la risposta dell’attaccante classe ’90, che ha anche altre offerte.

Un contratto monstre per un giocatore che, forse per un solo anno, giocherà in Serie B.

Che tipo di giocatore è?

Dal punto di vista tecnico Christian è un attaccante fisico che gioca di sponda. Per il gioco di Brocchi, che lo scorso anno beneficiava della struttura fisica di Finotto, è ottimo. 1,85 per quasi 90 chili, sfrutta la stazza per poi andare a concludere le azioni offensive nella maggior parte dei casi all’interno dell’area di rigore. Ha le caratteristiche da rapace d’area. È il classico attaccante che sa già dove finirà la palla. Da dentro l’area sa segnare in qualsiasi maniera, di testa, di destro o di sinistro. Sente la porta da ogni posizione e ha anche un’ottima capacità di farsi trovare sempre nel posto giusto al momento giusto. Mentalmente è il giocatore perfetto per lo stile di gioco di Brocchi. Da buon nordico, infatti, è un giocatore che non molla mai e lotta su ogni pallone, pronto a non tirare indietro la gamba nei contrasti. Abbina il tutto ad un’ottima tecnica di base, che gli ha permesso di entrare nella storia del Monaco 1860, e poi di quella del Lech Poznan a suon di gol. Nonostante la sua statura, Gytkjaer si muove abbastanza rapidamente quando c’è da crearsi lo spazio per la conclusione in porta. È bravo ad attaccare lo spazio senza palla.

I tifosi del Lech Poznan, dopo 45 gol in 3 anni e mezzo, lo hanno salutato così nell’ultima gara, coscienti che un attaccante come lui, in quel tipo di campionato, non tornerà a breve.

https://twitter.com/MichalMoch87/status/1284897535048536065