Cronache di spogliatoio
Raiola: «Ibrahimovic giocherà fino a 50 anni. Fa i piegamenti con me…» Raiola: «Ibrahimovic giocherà fino a 50 anni. Fa i piegamenti con me…»
Se Mino Raiola è diventato uno dei procuratori più importanti nel panorama calcistico mondiale non è soltanto grazie alle indiscusse doti nel piazzare i... Raiola: «Ibrahimovic giocherà fino a 50 anni. Fa i piegamenti con me…»

Se Mino Raiola è diventato uno dei procuratori più importanti nel panorama calcistico mondiale non è soltanto grazie alle indiscusse doti nel piazzare i suoi assistiti. Chi ha avuto modo di lavorare con lui, infatti, sostiene che ciò che lo contraddistingue sia il suo essere sempre presente. Con i “suoi” uomini Raiola stabilisce non solo una collaborazione lavorativa ma una vera e propria amicizia. In questo senso, il rapporto con Zlatan Ibrahimovic è uno dei più significativi. Dei retroscena dell’Ibra calciatore ha parlato in un’intervista al quotidiano olandese De Volkskrant: «Conosce molto bene il suo corpo, non ha bisogno di qualcuno che lo segua in particolare. A volte mi metto sopra di lui e lui continua a fare piegamenti… e lo sapete che non sono molto leggero. Può giocare fino a 50 anni, ma solo ai massimi livelli, fino a quando non dovrà uscire dal campo in barella».

Poi la stoccata al Milan, con il quale lo stesso Raiola ha avuto problemi a più riprese: «Ha resuscitato il Milan, ad oggi è il 90% della squadra». Se Zlatan, a 39 anni suonati, continua ad essere decisivo è perché ha una mentalità vincente, come spiega Mino: «Ibra vuole vincere sempre, anche quando gioca ai videogiochi. Pretende lo stesso dai suoi compagni. A Los Angeles, la squadra non aveva la sua stessa voglia di vincere. È una persona molto autocritica. Il fallimento non gli si addice, lo fa impazzire».

In conclusione un aneddoto esplicativo della dedizione al lavoro che ha caratterizzato la carriera di Ibracadabra: «Una volta, il giorno dopo una partita, Zlatan e un compagno di squadra si erano messi d’accordo per fare un giro in elicottero alle 11:00. Il suo compagno di squadra gli disse che sarebbe stato lì alle 10:30. Zlatan rispose: “No, verrai alle 8:30 perché prima dell’elicottero faremo 2 ore di allenamento“».

Redazione Cronache

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.