Cronache di spogliatoio
Serie A, Sacchi: «Fino a fine stagione vincerà la strategia, non la tattica» Serie A, Sacchi: «Fino a fine stagione vincerà la strategia, non la tattica»
Intervistato dal quotidiano La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha provato a delineare la ripartenza ipotizzando come andrà a finire la conclusione di stagione. STOP – «Se... Serie A, Sacchi: «Fino a fine stagione vincerà la strategia, non la tattica»

Intervistato dal quotidiano La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha provato a delineare la ripartenza ipotizzando come andrà a finire la conclusione di stagione.

STOP – «Se si verificheranno problemi, per carità del Signore fermiamoci. La salute è più importante di qualsiasi altra faccenda, con quella non si scherza e mi auguro che la tragedia del Coronavirus almeno questo lo abbia insegnato».

RIPARTENZA – «Si troveranno meglio quelle squadre che avranno una strategia e non soltanto una tattica. Mi spiego: la tattica ti fa vivere alla giornata, se uno ti attacca in un modo tu predisponi la difesa per annullarlo. La strategia, invece, aiuta a migliorare le tue conoscenze, previene le difficoltà e te le fa superare perché ti dà gli strumenti per farlo. Purtroppo l’Italia è un Paese di grandi tattici e di pessimi strateghi. E non mi riferisco soltanto al calcio, ma pure alla politica, all’economia e via dicendo».

SPERANZA – «In campo spero di vedere più coraggio, più entusiasmo, più aggressività: basta con le squadre che usano tre difensori per marcare un solo attaccante. Il pubblico chiede bellezza, divertimento, e non soltanto vittorie conquistate senza merito».

STADI CHIUSI – «È come una recita teatrale senza spettatori. Sei nudo, non ti puoi aggrappare a nulla, devi andare avanti soltanto con le tue conoscenze. È anche per questa ragione che sostengo che saranno avvantaggiate le squadre che avranno giocatori intelligenti. Ci si dovrà abituare al nuovo ambiente. Ci pensavo l’altro giorno: il Sassuolo, da questo punto di vista, è un passo avanti rispetto agli altri, perché da sempre gioca in uno stadio con pochissimi tifosi».

ORARI – «Guardi, io ero il c.t. dell’Italia che al Mondiale del 1994 giocò a mezzogiorno e mezzo, sotto un sole infernale e con un tasso d’umidità del 90 per cento. Non è semplice, è vero, ma se ti alleni bene e se programmi i tempi di recupero, si può fare. l’uomo, alla lunga, vince sulla natura».

SOSTITUZIONI – «Cosa ne penso dei cinque cambi? Questa poi è bella. Se volevano partite più equilibrate hanno sbagliato strada. Così si favoriscono le più forti, è ovvio. Ma vi rendete conto di che cosa significa cambiare cinque giocatori su undici? È metà squadra. Chi può inserire dei campioni, che magari tiene freschi in panchina, bene; e gli altri che si arrangino. Non mi sembra una grande idea. In questo modo si evidenzia ancora di più il gap tra grandi e piccoli, tra ricchi e poveri».

PRONOSTICO – «Ho dato un’occhiata al calendario e mi sembra che quello dell’Inter sia abbastanza facile. Credo che Conte possa reinserirsi nella lotta al vertice, anche se la Juve, per l’organico a disposizione, e la Lazio, per le grandi motivazioni, partono in vantaggio. Però, lo ripeto, mi aspetto sorprese».

Redazione Cronache

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.