fbpx
Cronache di spogliatoio
Torino, conferenza Nicola: «Voglio equilibrio e personalità» Torino, conferenza Nicola: «Voglio equilibrio e personalità»
Il Torino ha presentato oggi in conferenza stamapa il nuovo allenatore Davide Nicola, subentrato a Marco Giampaolo. SFIDA – «È una sfida speciale, ci... Torino, conferenza Nicola: «Voglio equilibrio e personalità»

Il Torino ha presentato oggi in conferenza stamapa il nuovo allenatore Davide Nicola, subentrato a Marco Giampaolo.

SFIDA – «È una sfida speciale, ci tengo perché la storia del Toro è blasonata e deve rappresentare una costante. Voglio iniziare da subito senza perdere tempo in parole, ma agire sulle priorità: dobbiamo avere un cambio di rotta».

CAMBIAMENTI – «Serve il gruppo e servono relazione schiette. Abbiamo bisogno di stare bene tra di noi e credere nel lavoro. Non mi interessa cosa si è fatto prima: non ero dentro, non spetta a me giudicare. Oggi terzo allenamento, ho lavorato sulle priorità. Il gruppo è fondamentale, poi arriverà il resto. I risultati sono una conseguenza: non chiederò mai un risultato, ma la prestazione fatta di equilibri e senza paura di sbagliare».

MOMENTO – «C’è una rosa e un ambiente disponibile. Non mi interessa cosa si è detto prima, voglio farmi le mie idee. Mi aspetto certi comportamenti, solo questo ci farà raggiungere l’obiettivo. 13 punti in classifica sono pochi e i valori nostri possono essere migliori. Iniziato nuovo percorso, ci sono 20 partite: dovremo costruire un percorso per raggiungere la salvezza. È un club che ha ambizioni, ma essere coscienti serve per fare il passo successivo».

BENEVENTO – «Tre giorni sono pochi per dare impronta e identità definitiva, ma sono sufficienti per dire la direzione verso la quale si vuole andare. Mi aspetto che seguano gli obiettivi. È una partita importante e ci sono diverse difficoltà, mi aspetto anche grande entusiasmo come lo metto io».

SPOGLIATOIO – «È una sfida speciale, con certe relazioni e certi atteggiamenti possiamo uscirne. Ho detto loro che bisogna gestire le emozioni per raggiungere l’obiettivo. Bisogna zigzagare per raggiungerlo, serve volontà di arrivarci. Il difficile è rimanere equilibrati, ma dobbiamo continuare giorno dopo giorno. Io credo in questi ragazzi».

BELOTTI – «Adatto e plasmo i miei principi alle caratteristiche dei giocatori. Ho fatto poche richieste, serve leggerezza, voglia, entusiasmo e determinazione. E per questo bisogna dare pochi compiti. La generosità non è un aspetto negativo se convogliato nella giusta direzione. Bisogna però essere ordinati».

APPROCCIO – «Bisogna affidarsi al gruppo: ci sono i più esperti e i più giovani, ognuno ha la sua importanza. L’ allenatore deve essere coerente nelle richieste e dimostrare che l’idea è non solo convincente, ma redditizia. Abbiamo cominciato metodologia diversa, ma i collaboratori mi hanno dato una mano. Nulla si costruisce in un giorno, ma per distruggere ci vuole meno di un secondo. Il lavoro ti porta a raggiungere l’obiettivo».

Redazione Cronache

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.